CRONACA

FOTO Nel cerignolano 18 arresti in 5 giorni a giugno:

Nel cerignolano 18 arresti in 5 giorni a giugno:

CERIGNOLA,

Sono già 18 le persone arrestate dai Carabinieri della Compagnia di Cerignola solo nei primi 5 giorni di questo mese. L’ultimo servizio di controllo del territorio, condotto tra i comuni di Cerignola, San Ferdinando di Puglia e Trinitapoli, ha portato all’arresto in flagranza di 3 persone, oltre ad una quarta tratta in arresto in esecuzione di un provvedimento del Giudice.

Il primo a finire in manette, a Cerignola, è stato Marco Difonzo Specchio, 41 anni, pluripregiudicato cerignolano. I militari, appostatisi nei pressi di un’autodemolizione, hanno sorpreso l’uomo mentre armeggiava nei pressi di alcuni furgoni già parzialmente smontati. All’arrivo dei militari Specchio ha tentato una disperata fuga ma è stato prontamente bloccato. Ii mezzi erano stati rubati un paio di giorni prima a San Benedetto del Tronto: erano destinati al mercato clandestino degli autoricambi rubati. Specchio Difonzo, già sottoposto all’obbligo di dimora per i medesimi reati, è dunque stato associato presso la Casa Circondariale di Foggia. Risponderà dei reati di ricettazione e riciclaggio.

Sempre a Cerignola, i Carabinieri hanno eseguito un ordine di carcerazione a carico di Giovanni Capuano, 27enne pregiudicato del posto, condannato con sentenza definitiva a un anno e otto mesi di reclusione per ricettazione. Da qualche giorno si era reso irreperibile. I militari, mentre erano in Tribunale di Foggia, hanno notato  Capuano, anch’egli in Tribunale per altri reati commessi nel corso del tempo, che, alla vista dei militari, ha tentato di allontanarsi senza dare nell’occhio. I Carabinieri, però, riconosciutolo immediatamente lo hanno bloccato e lo dichiarato in arresto, associandolo successivamente presso la Casa Circondariale di Foggia.

A San Ferdinando di Puglia è stato arrestato Potito Curci,  50 anni, sorpreso mentre tentata di aggredire con un’accetta il cognato. Ora si trova nel carcere di Foggia.

A Trinitapoli, infine, i Carabinieri hanno arrestato Vincenzo, pregiudicato locale, per il reato di atti persecutori ai danni della sua ex compagna. Bloccato dai militari, su disposizione del P.M. di turno anch’egli è stato rinchiuso nel carcere di Foggia.



Commenta l'articolo