ECONOMIA

FOTO Mercuri(Alleanza Coop): "Per pasta made in Italy produrre grano di qualità"

Mercuri(Alleanza Coop): "Per pasta made in Italy produrre grano di qualità"

FOGGIA,

 

"Per etichettare la pasta 100% made in Italy occorre produrre grano di qualità ma soprattutto fare massa critica e organizzare la filiera. La filiera infatti non si chiude con l'industria di trasformazione ma con la distribuzione. L’Alleanza delle Cooperative Italiane ha chiesto un sostegno ai contratti di filiera sul grano duro con il documento di proposte presentato sempre qui a Foggia a maggio scorso: sono il nostro obiettivo primario per il settore e perciò ringrazio il Mipaaf e l’onorevole Colomba Mongiello per aver supportato questa proposta”. Così il presidente dell’Alleanza delle Cooperative agroalimentari, Giorgio Mercuri, nell’incontro “I contratti di filiera: strumento per la valorizzazione del grano duro 100% italiano” che si è svolto oggi presso la Camera di Commercio di Foggia.  

“Il contratto di filiera pluriennale – ha aggiunto Mercuri - può dare certezza all'agricoltura e all’industria di trasformazione. La cooperazione, punto di riferimento di molti agricoltori,può fare molto per la strutturazione dell’offerta ma occorre superare il conto deposito e organizzare la filiera. Ciò nella consapevolezza che per valorizzare il prodotto italiano è imprescindibile un rapporto con l’industria”.   

 

“Bene il sostegno ai contratti di filiera nel grano duro così come da noi richiesto – ha detto Patrizia Marcellini, coordinatrice del settore grandi colture e servizi dell’Alleanza delle Cooperative agroalimentari -, ma i soldi sono troppo pochi. Occorre qualificare i rapporti tra tutti i componenti della filiera e su questo la cooperazione è in prima linea. La filiera deve però essere chiusa dalla distribuzione, che è un elemento fondamentale al fine di valorizzare la produzione nazionale di pasta. Importante, allo stesso tempo, il ruolo del consumatore - ha concluso Patrizia Marcellini - che deve fare attenzione di fronte allo scaffale per poter scegliere un prodotto di qualità. Non perdiamo l'occasione, il decreto è un aiuto importante che può dare un input al miglioramento dei rapporti di filiera e della qualità delle produzioni italiane”.

 

Video



Commenta l'articolo