CITTÀ

Agroalimentare, con Progetto SKIN Unifg coordina 14 Paesi

FOGGIA,

Entra nel vivo il progetto europeo SKIN dedicato al settore agroalimentare (in particolare alla filiera corta) che vedrà l'Università di Foggia coordinare 14 Paesi. Short supply chain Knowledge and Innovation Network è finanziato nell'ambito di Horizon 2020 con l’obiettivo di colmare il gap tra ricerca, operatori e policy maker. Una prima riunione si è tenuta gli scorsi 14 e 15 dicembre, presso il Dipartimento di Economia dell'ateneo dauno, con la partecipazione dei 20 rappresentanti del partenariato, soggetti economici e scientifici provenienti da Italia, Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Irlanda, Olanda, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Serbia, Slovacchia, Spagna, Ungheria. "Si è discusso molto delle tecniche per il coinvolgimento degli attori della filiera e degli strumenti da utilizzare in base alle esigenze stesse degli operatori e creare dei gruppi di lavoro tematici sia a livello regionale che europeo, su temi come: prodotti freschi, qualità, innovazione, logistica, analisi dei consumatori, normative, ed altri di maggiore rilevanza che verranno individuati durante il primo anno di attività", così il direttore del Dipartimento di Economia dell'Università di Foggia e Coordinatore scientifico di SKIN, prof. Francesco Contò. Obiettivo: stimolare l’innovazione nel settore della filiera corta di vitale importanza per il futuro dell’agricoltura e delle economie rurali europee.

 



Commenta l'articolo