ECONOMIA

FOTO Confcommercio con i suoi Confidi pronta a finanziare direttamente microimprese

Confcommercio con i suoi Confidi pronta a finanziare direttamente microimprese

FOGGIA,


Con le recenti modifiche normative è possibile per il sistema Confidi concedere direttamente credito
alle imprese affiancandosi al circuito bancario. Una facoltà consentita soprattutto per garantire
l’accesso al credito delle microimprese, su finanziamenti con importi minimi che le banche,
particolarmente nel Mezzogiorno d’Italia, tendono a concedere con difficoltà.
La Confcommercio provinciale di Foggia guidata da Damiano Gelsomino si è attivata per tempo,
coinvolgendo con un progetto pilota i Confidi dell’organizzazione (Fin. Promo.Ter il nazionale e
Confidi Confcommercio Puglia, quello regionale) per mettersi nelle condizioni di operare, sfruttando
questa opportunità a sostegno delle aziende del territorio.
In questa direzione va letto anche il bando della Camera di Commercio che ha stanziato 100 mila euro
a sostegno delle imprese, per l’abbattimento del costo delle commissioni sulle garanzie rilasciate a
fronte di finanziamenti erogati dal sistema dei confidi. Una iniziativa della Giunta camerale molto
apprezzata dalla Confcommercio provinciale di Foggia.
“Come organizzazione di categoria - evidenzia Gelsomino (tra l’altro anche vicepresidente di Confidi
Confcommercio Puglia) - riteniamo fondamentale offrire al sistema d’impresa del territorio,
particolarmente in questa fase delicata per l’economia, un aiuto concreto per l’accesso al credito.
Per questo abbiamo risposto immediatamente al bando della Camera di Commercio e siamo pronti a
concedere direttamente, attraverso Fin.Promo.Ter, finanziamenti fino a 30mila euro per superare quella
che è probabilmente una delle principali criticità per una ripresa diffusa”.
Dalla Confidi Confcommercio assicurano che con il finanziamento diretto ci saranno tempi brevi per
l’erogazione, fermo restando la doverosa azione di verifica. Una erogazione che tra l’altro -
garantiscono da via Miranda – sarà con tassi di interesse particolarmente vantaggiosi, certamente più
bassi del limite massimo del 5,50 % , imposto dal bando della CCIAA.
“Quello che vogliamo fare - evidenzia Gelsomino - non è sostituirci al sistema bancario, ma affiancarlo
per aumentare la quantità di credito disponibile per le imprese, particolarmente quelle del commercio
che noi rappresentiamo. Anche se siamo pronti ad intervenire a sostegno degli altri settori produttivi.
Non a caso questo sistema non intacca il rapporto azienda-banca, visto che l’eventuale finanziamento
Confidi sarà accreditato direttamente sul conto corrente indicato dall’impresa”.
Il Confidi Confcommercio Puglia, vista la conoscenza del territorio, si incaricherà di predisporre le
pratiche e rilasciare le garanzie. Un lavoro che in questi anni è stato svolto con impegno e che ha
portato l’organismo di garanzia fidi dell'organizzazione di categoria a raggiungere su base regionale
circa 10mila associati, con quasi 100milioni di euro di garanzie rilasciate al 31 dicembre 2016,
diventando il più importante Confidi della Confcommercio nel Mezzogiorno.



Commenta l'articolo