SPETTACOLO

Il Maestro Vessicchio è Presidente di Giuria del Concorso musicale U. Giordano

FOGGIA,

Un videomessaggio dedicato a chi sogna di diventare un musicista completo: "E' rivolto soprattutto ai giovani: non è male partecipare ad un concorso e sottoporsi ad una verifica. L'importante è sapere cosa fare il giorno dopo. Una canzone dice uno su mille ce la fa. Ecco a me stanno a cuore gli altri 999, per questo sto dando supporto ad un'iniziativa culturale perché non si resti solo ad aspettare il prossimo concorso".  Il musicista, arrangiatore, compositore e direttore d’orchestra Peppe Vessicchio annuncia così la sua partecipazione al Concorso Nazionale Musicale “Umberto Giordano” in veste di Presidente di Giuria. L'idea è del direttore artistico Lorenzo Ciuffreda: "siamo amici, l'ho contattato a settembre ed è stato subito entusiasta". 

Presenza fissa al Festival di Sanremo dal 1990 e insegnante di musica e nel programma televisivo Amici della regina di casa Mediaset Maria De Filippi, il maestro Vessicchio sarà per la prima volta a Foggia dal 25 al 28 aprile, presso il Teatro del Fuoco, per la nona edizione del concorso che è certamente uno degli eventi musicali più importanti proposti dall’Associazione Musicale "Suoni del Sud", destinato agli alunni delle Scuole Musicali. Per il Maestro Gianni Cuciniello, Presidente dell'associazione sarà come sempre un grande momento: "Chissà se supereremo il numero di adesioni dello scorso anno, oltre mille". 

Anche per questa edizione, il Concorso sarà articolato in Sei sezioni: Solisti (pianoforte, chitarra, strumenti ad arco, strumenti a fiato, strumenti a percussione, Batteria, arpa, fisarmonica e canto lirico), Musica d’Insieme (gruppi strumentali da 2 a 15 elementi), Orchestra (ensemble con minimo 20 elementi a organico differenziato), Coro (minimo 15 elementi per gruppi corali costituiti in qualsiasi ordine) Talent Voice (canto moderno) e Bande Musicali. Domande d'iscrizione entro il prossimo 15 aprile. Il regolamento è online su concorsomusicaleumbertogiordano.com



Commenta l'articolo