CULTURA

FOTO Giovedì al Cineporto incontro con Ivan Cotroneo e proiezione di "Un bacio"

Giovedì al Cineporto incontro con Ivan Cotroneo e proiezione di "Un bacio"

FOGGIA,

Lo scrittore, sceneggiatore e regista Ivan Cotroneogiovedì 25 dalle 20 al Cineporto di Foggia, sarà il quarto e ultimo ospite della seconda edizione di “Librinscena”, rassegna curata e moderata da Michele Trecca, responsabile della libreria Ubik di Foggia. La serata è a ingresso libero.
Anche l’autore napoletano parlerà della sua esperienza di autore e, in particolare, del romanzo “Un bacio” (Bompiani, 2010) dal quale l’anno scorso Cotroneo ha realizzato l’omonimo film. In chiusura di serata, alle 21.30, visione del film “Un bacio”, terzo lavoro da regista di Ivan Cotroneo. Autore di tanti film e fiction di successo (“Mine vaganti”, “La kryptonite nella borsa”, “Tutti pazzi per amore”), Cotroneo ha realizzato adattando per il grande schermo il suo romanzo “Un bacio”. Globo d’oro 2016 per la miglior sceneggiatura, Ciak d’oro e premio Biraghi dedicato agli attori emergenti ai Nastri d’Argento per i suoi giovanissimi protagonisti, tutti al loro esordio cinematografico, dopo l’esperienza nelle sale il film ha vissuto anche una seconda vita in decine di scuole del nostro Paese, in cui è stato proiettato alla presenza del regista e ha dato modo a migliaia di studenti di confrontarsi su temi quali la discriminazione, il bullismo e l’omosessualità. Il film racconto della vicenda di Blu, Lorenzo e Antonio, tre studenti sedicenni come tanti, solo un po’ più soli. Lorenzo (Rimau Grillo Ritzberger) è un adolescente gay, orfano: un passato di case-famiglia, ripetuti tentativi di adozione non riusciti e le difficoltà di chi conosce il bullismo sulla sua pelle. Blu (Valentina Romani) ha un fidanzato più grande e una personalità strabordante: quanto basta perché venga considerata una ragazza “facile”. Antonio (Leonardo Pazzaglia), più introverso, nasconde il dolore di aver perso il fratello maggiore e non ha amici, neanche i ragazzi con cui gioca a basket dopo la scuola. Diventeranno amici e proveranno a far fronte comune contro le violenze, i pettegolezzi e i pregiudizi degli altri. Fino a quando non vedranno vacillare lo speciale equilibrio che avevano faticosamente raggiunto.



Commenta l'articolo