SPETTACOLO

FOTO 'Piglia la Puglia mi amor': online il ballo dell'estate di Santino Caravella

'Piglia la Puglia mi amor': online il ballo dell'estate di Santino Caravella

FOGGIA,

“Piglia la Puglia, Piglia la Puglia, Piglia la Puglia, Pi-glia-la”. Il ballo di gruppo ufficiale dell’estate 2017 è “Piglia la Puglia mi amor”, nuovo brano del cantautore e cabarettista foggiano Santino Caravella, da oggi on-line su YouTube e già da qualche giorno in vendita negli store digitali. La canzone, un autentico reggaeton, prende spunto dal venditore di prodotti alimentari tipici della Puglia che a partire dal 2016 Santino ha portato sul palco di “Made in Sud” (Raidue). Il tormentone di quel personaggio, “Piglia la Puglia”, ha prima ispirato l’omonimo singolo, che l’anno scorso ha raggiunto in pochi giorni dalla sua pubblicazione oltre un milione di visualizzazioni su YouTube, e quest’anno “Piglia la Puglia mi amor”, che si preannuncia uno dei brani più gettonati sulle spiagge, nei villaggi, in tutte le piste da ballo, in piazza come nei locali. “Avevo voglia di fare un regalo alla mia splendida terra”, commenta il comico foggiano, “e così è nata l’idea di un viaggio tra le bellezze e le bontà della nostra regione, dal Gargano al Salento. Piglia la Puglia mi amor è una canzone allegra e positiva, che punta a rendere ancor più piacevole il soggiorno dei tanti turisti che stanno già affollando le nostre città”.

La storia raccontata nel videoclip è una parodia del celebre Karate Kid. Solo che il protagonista, Santino, non si sta preparando a un incontro di karate, ma ad una gara di ballo. Il suo sensei è l’attore comico foggiano Giovanni Mancini, impegnato più a bere e mangiare che ad istruire il povero Santino, salvato solo da un consiglio del nonno, il nonno più famoso d’Italia, Lino Banfi: un bel bicchiere di vino pugliese. Nel videoclip, oltre alla partecipazione straordinaria dell’attore canosino, c’è anche un cameo di uno dei più famosi ambasciatori della cucina pugliese, lo chef Peppe Zullo, e tante altre amichevoli presenze. Complessivamente alla realizzazione del video hanno partecipato circa 200 persone, tra cui 50 bambini, tutti rigorosamente pugliesi. “L’intero progetto è al 100% made in Puglia”, aggiunge Santino Caravella, che sottolinea come nel video vengano mostrati ben 22 luoghi della regione.

Video



Commenta l'articolo