CITTÀ

Capone: per la cultura pugliese un bando da 100 mln per i Comuni

FOGGIA,

“Un grande bando unico da 100 milioni di euro per la valorizzazione, la fruizione e il restauro dei nostri beni culturali”. Lo annuncia l'assessore all'industria turistica e culturale della Regione Puglia, Loredana Capone. Il progetto è Smart-In Puglia, nuovi strumenti della Regione per la valorizzazione del patrimonio culturale e la qualità dei servizi di fruizione, la community library e i laboratori di fruizione. "Ti finanzio il restauro se hai un progetto di fruizione del bene": è questo il motto della Regione Puglia.

In programma per i primi di ottobre, il nuovo bando è rivolto a Enti locali, Istituzioni universitarie, organi periferici del Mibact, proprietari e/o soggetti gestori di istituti e luoghi di cultura. 

Tre gli obiettivi dell’assessore:  far emergere le vocazioni dei singoli territori, costruire attorno a esse nuove opportunità di lavoro e, infine, valorizzare e promuovere e la fruibilità la bellezza dei nostri luoghi.  Aldo Patruno, direttore generale Dipartimento regionale Turismo e cultura, ha spiegato che l'obiettivo è rendere fruibile il territorio 365 giorno all'anno: "L'obiettivo della destagionalizzazione si raggiunge puntando sul turismo sportivo, congressuale e culturale. Accanto al Piano strategico del turismo abbiamo lavorato su un piano strategico Culturale”. Questo piano prevede due linee da seguire: recupero dei contenitori culturali, immobili, teatri e altro, e quella dei contenuti (riempire i contenitori con programmazioni importanti e sostenibili).

Non vogliamo solo restaurare le biblioteche - ha concluso la Capone - ma creare un modello che renda fruibili per tutto l'anno le biblioteche dalla comunità. Un luogo in cui identificare il territorio, con un punto informazioni e tanti altri spazi. I laboratori di fruizione sono musei interattivi, orientati alla fruizione dei cittadini: ci interessa  un'innovazione di processo, una gestione innovativa di musei, teatri e altri contenitori culturali". 



Commenta l'articolo