CITTÀ

FOTO Gare del gas, la Provincia di Foggia in prima linea

Gare del gas, la Provincia di Foggia in prima linea

FOGGIA,

Nel 2011 si è iniziato a dare disciplina delle procedure per affidare il servizio di distribuzione del gas naturale per ambiti territoriali con i decreti attuativi della L. 222/2007. 

Sono trascorsi ormai 6 anni e le 177 gare, che dovevano esperirsi entro il 2014, sono ancora al palo. Il tempo trascorso ha alimentato un clima di incertezze, dovute anche all'emanazione di centinaia di norme che, con l'intento di regolamentare la riforma, hanno complicato enormemente le procedure propedeutiche alla presentazione del bando di gara, ingessando una riforma che puntava a creare maggiore efficienza, anche attraverso la competizione auspicata in sede di gara. 

Molte stazioni appaltanti ed Enti concedenti non perdono occasione per manifestare le loro perplessità su vari argomenti e sembrerebbero dar ragione a quanti hanno affermato che queste gare, per quanto sia stato notevole lo sforzo finora profuso dai soggetti interessati, non partiranno, ovvero partiranno solo in minima parte, presumibilmente in quegli ATEM dove c'è un soggetto predominante. In tutti gli altri casi la pubblicazione del bando di gara rischia di favorire l'apertura di contenziosi costosi che complicheranno ancora di più le cose.

Dopo i bandi usciti a cavallo tra il 2015 e il 2016, quasi tutti impantanati da ricorsi al TAR, proroghe dei termini, sospensive e richiesta di documentazione sempre più complessa e corposa da parte dell'AEEGSI, la situazione è di stallo e tutti i protagonisti cercano di capire quale sia il modo migliore di procedere evitando ricorsi e impugnative.

Di fronte ad un simile scenario, la Provincia di Foggia, stazione appaltante dell’ATEM FOGGIA 1, però, non si lascia scoraggiare e continua il lavoro di coordinamento dell’attività che ogni Comune dell’ATEM deve svolgere per preparare la documentazione da allegare al bando di gara per l’individuazione del gestore unico del servizio di distribuzione del gas naturale nell’ATEM FOGGIA 1.

 È notizia di questi giorni che l’unità di progetto ATEM appositamente costituita dalla Provincia, composta dal dr. D’Agostino e dalla dr.ssa Capozzi, ha completato la liquidazione della quota Una Tantum (50%) ai Comuni dell’ATEM FOGGIA 1 per permettere loro di far fronte alle spese necessarie a preparare al meglio la documentazione di gara. Un’azione che è riscontrabile in pochi altri ATEM in Italia.

Ma la disponibilità economica ha permesso, e permetterà a chi non lo ha ancora fatto, di scegliere gli advisor migliori anche per la valorizzazione e la salvaguardia delle proprietà degli impianti riconducibili all’Ente locale.

Si tratta di un aspetto così importante e di rilievo per gli Enti locali che, sempre la Provincia di Foggia, sta organizzando un seminario ad hoc per far conoscere le modalità di compilazione e gestione dei bilanci comunali, soprattutto per quanto attiene la proprietà delle infrastrutture energetiche.



Commenta l'articolo