SANITÀ

ASL. La salute in tutte le politiche, Piazzolla: ecco la filiera della salute

FOGGIA,

Esponenti del mondo politico, sanitario, produttivo e del Welfare pugliese e nazionale si sono dati appuntamento ieri a Foggia per la Conferenza dei Servizi della ASL sul tema “La salute in tutte le politiche, tutti assieme per curare la salute” e condivisa da tutti i partecipanti alla convention.
"Costruire una rete per rispondere ai bisogni di salute del territorio". È la volontà emersa nel corso dell'incontro. “Noi pensiamo di curare la salute – ha spiegato il Direttore Generale della ASL Foggia Vito Piazzolla - attraverso una fitta rete di relazioni che intendiamo mettere a sistema". Il dg ha annunciato la costruzione di una filiera: "tutti a curare e migliorare quei fattori che influenzano lo stato di salute e riducono il ricorso a cure più intensive che agiscono negativamente sulla qualità della vita dei pazienti e sul tessuto sociale”. Presenti Raffaele Piemontese (Assessore Regionale al Bilancio), Leonardo di Gioia (Assessore Regionale all’Agricoltura) e Franco Landella (sindaco di Foggia); per il sistema sanitario Paola Pisanti (Presidente della Commissione Nazionale Diabete del Ministero della Salute), Vitangelo Dattoli e Laura Moffa (Direttore Generale e Direttore Sanitario dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria OO.RR. di Foggia), Domenico Francesco Crupi (Direttore Generale dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo), Barbara Consenti (Direttore Sanitario dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Foggia) e Giovanni Misciagna (esperto epidemiologo nutrizionista e biostatistico).

Sono molteplici i fattori che, in maniera diretta o indiretta, influenzano la salute – ha trattato nel dettaglio il Direttore Sanitario della ASL Antonio Battistae, di conseguenza, la qualità della vita. Vanno dall’agricoltura all’ambiente: basti pensare alla qualità dell’aria che respiriamo e dell’acqua che beviamo e all’uso indiscriminato di pesticidi che condiziona negativamente la nostra alimentazione. Ad incidere sulla salute e sul benessere di tutti concorrono anche la possibilità di fare sport e l’educazione scolastica, la lotta alla criminalità e la promozione della legalità. Per non dimenticare, in un territorio così complesso come la Capitanata, le infrastrutture, spesso compromesse, che non agevolano i trasporti e gli spostamenti”.

Grande interesse hanno suscitato, a tal proposito, gli interventi dei rappresentanti del settore terziario Giovanni Pomarico, presidente Selex e Francesco Pomarico, responsabile direzione operativa del gruppo Megamark e Nicola Colandrea, direttore dello stabilimento Barilla di Foggia premiati per la capacità di fare impresa a carattere innovativo e sostenibile.

Proprio la Barilla è una delle aziende della provincia di Foggia che ha aderito al progetto WHP del Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPESAL) della ASL Foggia. Il programma prevede che gli stessi luoghi di lavoro diventino promotori di salute incentivando e promuovendo l’attività fisica e un’alimentazione sana, offrendo opportunità per smettere di fumare, attuando misure per migliorare il benessere sul lavoro.

Fortemente consapevole dell’importante ruolo sociale svolto dalle comunità locali e dall’associazionismo, la Direzione Strategica della ASL ha coinvolto nei lavori anche scolaresche e docenti (presenti l’istituto comprensivo statale “Catalano Moscati” di Foggia e il Liceo Polivalente “Pestalozzi” di San Severo), associazioni sportive (“Virtus Volley”) e di volontariato (“Il filo del sorriso” e “ANDOS onlus”) che hanno rimarcato l’importanza della partecipazione nelle attività di promozione, programmazione e realizzazione di idonei percorsi di salute.

Video



Commenta l'articolo