CULTURA

FOTO Lotta alle mafie: parte la rassegna 'Libera la mente con Cinemafelix'

Lotta alle mafie: parte la rassegna 'Libera la mente con Cinemafelix'

FOGGIA,

In attesa di celebrare la Giornata in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, Libera, Ambasciata di Pace e Cinemafelix/Falsomovimento promuovono insieme una rassegna cinematografica. 'Libera la mente con Cinemafelix!' - questo il titolo della kermesse - sarà dedicata non solo al tema della lotta alle mafie, in vista della giornata nazionale del 21 marzo che, per la prima volta, si celebrerà nella città di Foggia, ma anche ad altre tematiche strettamente correlate alla prima. Dal traffico internazionale delle armi ai conflitti mediorentali, dal lavoro al precariato, ma anche la scuola e l'educazione delle giovani generazioni, l'infanzia negata, le donne coraggio, l'inclusione e il ripopolamento dei paesi del Sud grazie agli immigrati.
I film saranno proiettati presso la sede di Cinemafelix (l'Auditorium Santa Chiara), come di consueto il mercoledi, con due spettacoli alle 18,30 e alle 20,45. 

Il programma della rassegna:
10.01.2018 La guerra di Charlie Wilson di Mike Nichols (Commedia, 2007, Usa, 97') con Tom Hanks, Julia Roberts, P.S.Hoffman, Amy Adams. L'America reaganiana antisovietica raccontata pittorescamente dal genio degli sceneggiatori americani Aaron Sorkin.
17.01.2018 - Lord of war di Andrew Niccol (Drammatico, 2005, Usa, 122') con Nicholas Cage. Film sul tema del traffico internazionale di armi. Il personaggio interpretato da Nicolas Cage è liberamente ispirato ad alcuni soggetti legati al traffico d'armi internazionale come l'israeliano Ludwig Fainberg e il tagiko Viktor Bout. Altri sospettano che Orlov sia basato almeno parzialmente sulla vita del trader del petrolio e faccendiere Marc Rich o addirittura sulla falsariga di cinque trafficanti d'armi realmente esistenti. Il personaggio di André Baptiste Sr. è invece probabilmente una parodia del presidente liberiano Charles Taylor. 
24.01.2018 - Il giardino dei limoni di Eran Riklis (Commedia, 2008, Israele, 106') con Salma Zidane. Il film racconta la battaglia legale di una donna palestinese in difesa del proprio limoneto e affronta il lungo conflitto israelo-palestinese, descrivendo l'inatteso coinvolgimento della moglie del Ministro della Difesa israeliano. Film di particolare attualità a seguito delle recenti posizioni assunte dall'America di Trump.
31.01.2018 - Freedom writers di Richard LaGravenese (Drammatico, 2007, Usa, 123') con Hilary Swank. Il film racconta la storia vera dell'insegnante Erin Gruwell e della sua classe di studenti problematici di un liceo californiano. 
7.02.2018 - Tutta la vita davanti di Paolo Virzì (Drammatico, 2008, Italia, 117') con Isabella Ragonese, Massimo Ghini, Sabrina Ferilli. Il film è liberamente ispirato al libro "Il mondo deve sapere" di Michela Murgia e racconta il mondo del precariato nel nostro Paese. 
14.02.2018 - Il dolce e l'amaro di Andrea Porporati (Drammatico, 2007, Italia, 98') con Luigi Lo Cascio e Donatella Finocchiaro. Presentata in concorso alla 64ª Mostra del Cinema di Venezia, la pellicola è una fredda analisi del percorso di Saro, un giovane delinquente che, a partire da lavoretti assegnatigli dal suo padrino, conquista la benevolenza dei vertici di cosa nostra. Girato tra la Sicilia e il Piemonte, il film è realizzato quasi interamente in lingua siciliana. 
21.02.2018 -  Il vangelo secondo Mattei di Antonio Andrisani, Pascal Zullino (Commedia, 2017, Italia, 90') con Flavio Bucci. Il tema dell'estrazione petrolifera e del suo impatto socio-ambientale.
28.02.2018 - Un paese di Calabria di Shu Aiello e Catherine Catela (Documentario, 2016, Italia/Svizzera, 90'). Il caso nazionale di Riace, paese calabro che ha avviato con successo un progetto di inclusione ripopolandosi.
07.03.2018 - Lea di Marco Tullio Giordana (Drammatico, 2015, Italia, 95') con Vanessa Scalera. Il film è basato sulla reale vicenda di Lea Garofalo, testimone di giustizia assassinata dall'ex-fidanzato mafioso.
14.03.2018 - Eisenstein in Mexico di Peter Greeneway (Biografico, 2015, Olanda, Belgio, Messico, Francia, Finlandia, 105'). In seguito al successo ottenuto in tutto il mondo dal suo rivoluzionario film La corazzata Potemkin, il regista russo Eisenstein viene invitato negli Stati Uniti ma si ritrova davanti al clima ostile di Hollywood e alla diffamazione messa in atto contro di lui ad opera dei conservatori americani. In seguito a ciò, decide nel 1931 di recarsi in Messico e di prendere in considerazione l'idea di un lungometraggio finanziato privatamente da un gruppo di simpatizzanti filocomunisti americani, guidati dallo scrittore Upton Sinclair.

21.03.2018 Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie
28.03.2018 - Il diritto di uccidere di Gavin Hood (Drammatico, 2015, UK, 102') con Helen Mirren. Il film solleva importanti questioni morali ed è un caso di studio nelle facoltà di giurisprudenza nei corsi di filosofia del diritto e di diritto internazionale. La visione del film ci consentirà di parlare anche di un tema estremamente delicato e cioè della ricerca scientifica in materia di armi intelligenti.

Per ogni info consultare i siti www.cinemafelix.com, www.apuliafelix.org, i profili Facebook di Libera, Ambasciata di Pace, Cinemafelix, Fondazione Apuliafelix. 



Commenta l'articolo