SANITÀ

FOTO Foggiani indigenti e senza farmaci? Sabato nuova raccolta del Banco farmaceutico

Foggiani indigenti e senza farmaci? Sabato nuova raccolta del Banco farmaceutico

FOGGIA,

Acquistare un medicinale da banco per donarlo ai poveri? Sarà possibile il prossimo 1 febbraio in occasione della XVIII edizione della Giornata di Raccolta del Farmaco alla quale aderisce anche la provincia di Foggia. In tutta Italia in 104 Province, nelle oltre 3.800 farmacie che aderiscono all’iniziativa e ne espongono la locandina, sarà possibile, grazie alle indicazioni del farmacista e all’assistenza di oltre 14.000 volontari, acquistare uno o più medicinali da banco da donare ai poveri. I farmaci acquistati saranno consegnati direttamente agli oltre 1.720 enti assistenziali convenzionati con la Fondazione Banco Farmaceutico onlus.

Durante la GRF dell’11 febbraio 2017, sono state raccolte 375.240 confezioni di farmaci, per un controvalore economico pari a 2.599.791 di euro. Ne hanno beneficiato oltre 580.000 persone assistite dagli enti convenzionati. In 17 anni, la GRF ha raccolto più di 4.400.000 farmaci, per un controvalore superiore a 26 milioni di euro.
Queste le farmacie che hanno aderito a Foggia: Farmacia Macchia Gialla, Prencipe, San Ciro, San Francesco, San Pio, Santa Rita, Santacroce, Tartaglia Stefano.
A Manfredonia le farmacie Santa Rita, Al Duomo, Serrati. A Monte Sant’Angelo la farmacia De Sio, a San Giovanni Rotondo la farmacia Pepe, a Stornarella la farmacia Simone, a Vieste le farmacie San Giorgio e San Giuseppe.
Questi gli Enti convenzionati: Associazione Il Granaio onlus Foggia, Centro di Accoglienza S. Elisabetta (parrocchia Gesù e Maria) Foggia, UAL Foggia, Caritas Diocesana Foggia-Bovino, Congregazione Pie Operaie di San Giuseppe Foggia, Ass. di Volontariato Massimiliano Kolbe ddi Vieste, Caritas parrocchiale S. Maria del Carmine di Monte Sant’Angelo, Casa della Carità Arcidiocesi Manfredonia, Ass. benefica della Divina Carità di Vico del Gargano, Confraternita di Misericordia di Ortanova, AVAS San Pio di San Giovanni Rotondo.



Commenta l'articolo