CITTÀ

FOTO Scuola agraria, Sgarro: "Finalmente la Provincia. Metta faccia un passo indietro

Scuola agraria, Sgarro: "Finalmente la Provincia. Metta faccia un passo indietro

FOGGIA,

«Il Consiglio Provinciale ha fatto un buon lavoro. L’emendamento alla mozione da me presentata a firma congiunta mia e del Consigliere Raimondo Ursitti, al quale va il mio personale ringraziamento, esprime buon senso e allo stesso tempo fermezza. Da un lato non dà più alibi all’amministrazione comunale di Cerignola e dell’altro tira finalmente una linea di chiarezza sulla posizione dell’Ente Provincia». Esprime soddisfazione il consigliere provinciale Tommaso Sgarro per il voto unanime espresso dal Consiglio alla mozione presentata per intimare un passo indietro al Sindaco di Cerignola, Franco Metta, sull’oramai nota questione della volontà di realizzare un Centro Commerciale e un Palazzetto dello sport sui suoli dello storico I.T.A.S. “Pavoncelli di Cerignola”.

«Il mio personale ringraziamento alle ragazze e ai ragazzi del Pavoncelli che ieri hanno pacificamente riempito e colorato l’aula consiliare di Palazzo Dogana. Hanno portato in quell’aula la Cerignola migliore, quella fiera delle sue origini e della sua storia. Un ringraziamento al corpo docenti dell’I.T.A.S. e agli animatori del Comitato che ha raccolto le oltre 9.000 firme di cittadini cerignolani per dire NO a questa speculazione edilizia. Ai componenti dell’Associazione “Apulia Mater” per aver tenuto alta l’attenzione su questo tema anche a costo di grandi sacrifici economici personali. Un grazie al Presidente Miglio e ai colleghi consiglieri provinciali che in aula hanno inteso con chiarezza prendere posizione- continua il consigliere Sgarro-».

«Adesso attendiamo l’esito della conferenza di servizi convocata per giovedì 22 alle 15.30 tra tutte le Istituzioni interessate. Da come andrà dipenderanno le successive mosse. Oggi, però, è finalmente nero su bianco che se la conferenza non dovesse dare gli esiti sperati, se non si dovesse trovare una soluzione alternativa a quella dello sfruttamento da parte dell’Amministrazione di Cerignola dei terreni che oggi sono in possesso dell’Ente Provincia e in concessione alla Scuola per uso didattico, l’Ente agirà in sede legale per veder tutelati i propri, legittimi, interessi. Mai nessuno ha messo in dubbio la possibilità di realizzare un Palazzetto dello Sport adeguato all’esigenza delle società sportive cerignolane, ma questa non sia la “scusa” per compiere uno scempio che cela una semplice speculazione. Quello dato oggi – conclude Sgarro- credo sia inoltre un segnale importante per tutto il territorio: Palazzo Dogana vuole tornate centrale e strategico per la vita della Capitanata».



Commenta l'articolo