POLITICA

FOTO Pomodoro. Mongiello: Da oggi l'indicazione d'origine deve essere in etichetta

Pomodoro. Mongiello: Da oggi l'indicazione d'origine deve essere in etichetta

FOGGIA,

"A partire da oggi il vero pomodoro made in Italy sarà solo quello coltivato e trasformato in Italia". Lo afferma l'on. Colomba Mongiello, componente della Commissione Agricoltura della Camera e candidata nel collegio plurinominale Puglia 1, in coincidenza con l'entrata in vigore del decreto firmato dai ministri Martina (MiPAAF) e Calenda (MiSE) che introduce l'obbligo di indicazione dell'origine dei derivati del pomodoro.

"Conserve e concentrato, sughi e salse che siano composti almeno per il 50% da pomodoro - continua Mongiello - potranno contenere in etichetta la dicitura 'Origine del pomodoro: Italia' solo se tutte le operazioni di coltivazione e trasformazione avvengono nel nostro Paese.

In ogni caso, a partire da oggi, le confezioni dovranno obbligatoriamente indicare in etichetta il Paese di coltivazione del pomodoro e quello di trasformazione. Se le fasi produttive avvengono in territori diversi, possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: Paesi UE, Paesi NON UE, Paesi UE E NON UE.
Il provvedimento sperimentale è particolarmente importante per la provincia di Foggia, che è il bacino produttivo più importante d'Italia insieme all'Emilia Romagna, e favorisce la valorizzazione di una tra le produzioni più tipiche dell'agroalimentare pugliese.

Si offre, inoltre, una risposta seria alle istanze di trasparenza avanzate dai consumatori.

Parlamento e Governo hanno deciso di non attendere i tempi della burocrazia europea - conclude Colomba Mongiello - per offrire ad una filiera strategica come quella del pomodoro l'opportunità di rafforzarsi ed espandersi".

 



Commenta l'articolo