CRONACA

FOTO Cerignola, intensificati i controlli dei Carabinieri: quattro arresti

Cerignola, intensificati i controlli dei Carabinieri: quattro arresti

FOGGIA,

E’ di quattro arrestati il bilancio dell’ultimo servizio straordinario di controllo del territorio effettuato dai Carabinieri della Compagnia di Cerignola che, tra il centro ofantino ed i comuni di Margherita di Savoia e Stornara, ha permesso l’arresto in flagranza di due pregiudicati e l’esecuzione di due distinti provvedimenti emessi dai Giudici competenti a carico di ulteriori due pregiudicati.

I primi due a finire in manette sono stati due pregiudicati baresi arrestati dopo un inseguimento per le vie di Cerignola poiché avevano ignorato l’Alt dei militari. Braccati, sono entrambi stati dichiarati in arresto per resistenza a pubblico ufficiale. A seguito dellaperquisizione nell’autovettura è stata trovata anche una piccola quantità di marijuana, motivo per il quale, probabilmente, i due avevano tentato di sottrarsi al controllo. I due, quindi, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari e segnalati al Prefetto di Foggia quali consumatori di stupefacenti.

A Margherita di Savoia, invece, i Carabinieri della Stazione di Trinitapoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare a carico di Gaetano Di Gennaro, 53enne, in sostituzione dell’obbligo di dimora a cui lo stesso era sottoposto. La Corte d’Appello di Bari per evitare che l’uomo possa reiterare il reato, ha revocato la misura cautelare a cui era sottoposto, imponendogli, quindi, quella più restrittiva degli arresti domiciliari.

A Stornara, infine, i militari della locale Stazione hanno eseguitoun’altra ordinanza di custodia cautelare, questa volta in carcere, a carico di un pregiudicato del posto. L’uomo, che stava scontando la sua pena in regime di detenzione domiciliare, nelle settimane scorse era stato arrestato per evasione dai medesimi militari. L’ufficio di Sorveglianza di Bari, a causadelle trasgressioni alle prescrizioni impostegli e puntualmente segnalate dai Carabinieri di Stornara, gli ha revocato il beneficio dei domiciliari ripristinando, quindi, la custodia in carcere. Al termine delle formalità di rito l’uomo è stato associato alla Casa Circondariale di Foggia.



Commenta l'articolo