CITTÀ

FOTO Isole Tremiti, National Geographic finanzia il corallo nero made in Puglia

Isole Tremiti, National Geographic finanzia il corallo nero made in Puglia

FOGGIA,

Grazie alla scoperta del corallo nero «made in Puglia», avvenuta nel 2012, oggi il mondo della biologia si concentra nella zona delle isoleTremiti dove il particolare corallo cresce in maniera autoctona.
Al giovane biologo cassanese Giovanni Chimienti è stato assegnato il compito di approfondire e conoscere meglio la rara specie. Il progetto, finanziato da Sky, National Geographic e dall' Università degli studi di Bari, dipartimento di biologia, sosterrà il ricercatore come responsabile delle esplorazioni che avverranno nelle isolegarganiche e nelle altre coste pugliesi.
Il biologo Giovanni Chimienti è riuscito ad attirare l' attenzione dei grandi enti finanziatori grazie all' analisi compiuta sui coralli neri che formano dei veri e propri boschi con habitat ideali per altre forme di vita sottomarina. Così come riporta La Gazzetta del Mezzogiorno, oggi in edicola.
L' antipathella subpinnata (corallo nero) può raggiungere anche il metro di altezza ed è un esacorallo della famiglia Myriopathidae. Generalmente vive in acque profonde, per questo è difficilmente rintracciabile.
Per il Committee for research and exploration of the National Geographic Society una occasione rara che valorizza il territorio pugliese. Quindi da questa iniziativa nasce l' au spicio di un maggior controllo e di una maggiore salvaguardia del fantastico patrimonio sommerso pugliese. Di qui l' opportunità al biologo cassanese di aumentare le proprie conoscenze legate al suo mondo lavorativo senza allontanarsi molto dal proprio paese di origine.
«Un esempio di crescita professionale», a sentire il sindaco di Cassano delle Murge Maria Pia Di Medio che vede la crescita di un giovane concittadino come esempio per l' intera collettività. «Con l' augurio che le nuove generazioni percorrano sempre più obbiettivi di rispetto dei luoghi incontaminati offerti dalla natura», aggiun



Commenta l'articolo