ECONOMIA

FOTO Fiera di Foggia, Granosalus rilancia il dibattito sul grano duro

Fiera di Foggia, Granosalus rilancia il dibattito sul grano duro

FOGGIA,

La filiera del frumento duro è di importanza strategica per la Capitanata e l’intero Paese, ma occorre rilanciare l’azione di sostegno al comparto, a cominciare dall’istituzione a Foggia della commissione unica nazionale.

E’ il tema rilanciato dall’Associazione Grano Salus nel corso di un convegno tenutosi alla 69a Fiera Internazionale dell’Agricoltura e della Zootecnia, con l’obiettivo di tutelare e valorizzare la storica vocazione produttiva del granaio d’Italia.

Il frumento duro, secondo GranoSalus, è infatti una delle priorità identificative del nostro territorio ma anche un’eccellenza produttiva in ambito mondiale, per il quale lo strumento della Cun, da anni fortemente voluto e sostenuto dall’Associazione, è l’unico in grado di dare concretamente una mano alle aziende agricole del Mezzogiorno.

Ora vi sono una legge istitutiva ed un decreto attuativo per cui si tratta di superare con determinazione le resistenze, secondo GranoSalus, ancora esistenti da parte dell’industria di trasformazione ed anche di alcune organizzazioni di categoria,  procedendo con  speditezza lungo la strada della trasparenza dei mercati.

La Cun, dunque, quale soggetto fondamentale di mediazione tra esigenze differenti che possono trovare nell’organismo nazionale la sintesi più opportuna, partendo però dall’assunto che il valore della  materia prima deve trovare un adeguato riconoscimento e non essere marginale rispetto alle produzioni trasformate.

Il convegno di GranoSalus ha affrontato anche altri temi attuali della filiera del frumento duro, come la vicenda del glifosate, in riferimento alla quale è stata ribadita la necessitò di rafforzare i controlli nei porti italiani a tutela della salute i consumatori, visto che poi i derivati del frumento costituiscono i componenti principali di diversi alimenti di largo utilizzo.

Controlli che vanno intensificati anche per quanto concerne la reale composizione di paste a base di varietà storiche ed autoctone, come quelle prodotte con il grano Senatore Cappelli.

 

 



Commenta l'articolo