CRONACA

FOTO Ispettorato del lavoro nel mirino delle Fiamme gialle: 13 arresti nel foggiano

Ispettorato del lavoro nel mirino delle Fiamme gialle: 13 arresti nel foggiano

FOGGIA,

Grossa operazione degli uomini della Guardia di Finanza di Foggia che questa mattina hanno tratto in arresto (domiciliari)  tre ispettori in servizio presso l'Ispettorato Territoriale del Lavoro del capoluogo dauno, e di due consulenti del lavoro attivi in Capitanata. Le Fiamme Gialle hanno inoltre emesso una misura coercitiva personale dell'obbligo di dimora nei confronti di un pubblico ufficiale e la sospensione  dall'esercizio  di un pubblico ufficio e di un pubblico servizio, per la durata di sei mesi, nei confronti di altri sette individui tra pubblici ufficiali e medici.

Il provvedimento cautelare scaturisce dagli esiti di complesse attività di indagini svolte in sinergia con la Procura della repubblica di Foggia e dai dipendenti del Nucleo pef e Gruppo di Foggia, nel periodo settembre 2016- giugno 2017. In particolare, le indagini hanno evidenziato che i tre ispettori del lavoro, hanno "accomodato" in senso favorevole agli imprenditori ispezionati gli esiti di otto attività ispettive in materia di lavoro condotte dall'ispettorato nei confronti di altrettanti imprenditori operanti nei settori delle costruzioni, dell'agricoltura e del commercio di alimenti e bevande. Gli ispettori, traendone vantaggi personali, falsificando le risultanze ispettive e violato l'obbligo di comunicare alla Autorità Giudiziaria le notizie di reato accertate. In relazione al riscontrato "accomodamento" di attività ispettiva eseguita nei confronti di una impresa edile di Serracapriola, è stato inoltre accertato che due agenti della Polizia Locale di Torremaggiore hanno annullato la sanzione accessoria della decurtazione dei punti della patente nei confronti della figlia di uno degli ispettori posto agli arresti domiciliari.

Sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari V.S, di anni 62, A. S. di anni 59, F. C. di anni 56, A. T. di anni 55, G.D.L. di anni 46.

Sottoposti, invece, alla misura coercitiva personale dell’obbligo di dimora L.T. di anni 53, alla misura interdittiva della sospensione dall’ esercizio di un pubblico ufficio N.R. di anni 66, M.F. di anni 58, M.C. di anni 40, A.C. di anni 50 e della sospensione dall’esercizio di un pubblico servizio M.D.I. di anni 53, A.M.P.S. di anni 43, V.M. di anni 59.



Commenta l'articolo