CITTÀ

FOTO Università di Foggia, ecco i primi gastronomi

Università di Foggia, ecco i primi gastronomi

FOGGIA,

 

«Per i poteri conferitimi dallo Stato, vi proclamo... dottori in Scienze gastronomiche». Un rituale osservato chissà quante altre volte negli altri corsi di laurea, ma che stamattina ha particolarmente emozionato ospiti, docenti, famigliari dei laureandi e soprattutto i diretti interessati. E cioè Sara Minini (110/110), Francesco Sgarro (110/110), Giuseppe Stallone (106/110), Fabrizio Fiorillo (110/110 con lode e plauso accademico) e Mattia Caravella (110/110 con lode), che oggi sono diventati i primi laureati in “Scienze gastronomiche” dell’Università di Foggia.

La proclamazione nell’Aula 1 del Dipartimento di Scienze agrarie, degli alimenti e dell’ambiente (via Napoli 25, Foggia), celebrata dalla commissione composta dal prof. Agostino Sevi (direttore del Dipartimento di Scienze agrarie, degli alimenti e dell’ambiente) e dai proff. Antonio Derossi (ricercatore in Scienze e tecnologie alimentari), Anna Dipace (ricercatrice in Pedagogia sperimentale), Maria Rosaria Corbo (associata in Microbiologia agraria e già coordinatrice scientifica del corso di laurea in Scienze gastronomiche), Anna Bonasia (ricercatrice in Orticoltura e floricoltura), Alessandro Leone (associato in Meccanica agraria) e Vittoria Pilone (ricercatrice in Economia ed Estimo rurale e attuale coordinatrice del corso in Scienze gastronomiche). Molto emozionati soprattutto i laureandi, che durante le rispettive esposizioni hanno anche motivato le ragioni che hanno portato alla scelta di “Scienze gastronomiche”. «Oggi si laureano i primi studenti che hanno creduto in questo corso – ha dichiarato il prof. Agostino Sevi durante il suo intervento – nella preparazione didattica e scientifica che ci siamo impegnati a fornire a chi lo frequentaE direi che hanno investito bene il loro tempo e il loro talentovisto che sono già pervenute presso il dipartimento manifestazioni di interesse da parte di aziende che intendono, quanto meno, approfondirne la conoscenza in vista di una eventuale futura assunzione. Questo a conferma delle potenzialità e delle prospettive, più che attraenti oserei dire, di questo corsoMa anche a conferma della validità e della spendibilità del titolo che questi ragazzi conseguono presso il nostro Ateneo».

Alla cerimonia di conferimento delle prime lauree hanno partecipato anche il Rettore prof. Maurizio Ricci e alcune autorità locali, oltre a rappresentanti a vario titolo della società civile e delle organizzazioni e associazioni di categoria. Ma la novità della giornata speciale vissuta dall’intero Dipartimento di Scienze agrarie, degli alimenti e dell’ambiente, è arrivata dalla coordinatrice scientifica del corso di laurea in “Scienze gastronomiche” prof.ssa Vittoria Pilone, che durante il suo intervento ha annunciato al pubblico l’istituzione di un “Master in Comunicazione dell’Alimentazione Sostenibile della Dieta Mediterranea”«Si tratta di una sfida importante, per noi come Dipartimento ma anche per l’intero Ateneo – ha spiegato la prof.ssa Pilone –. Una sfida scientifica e umana, che potrebbe rendere ancora più specifica la formazione di chi ha scelto, o sceglierà in futuro, il corso di laurea in “Scienze gastronomiche”. Una naturale conseguenza della preparazione che offriamo agli studenti, uno strumento in più per affrontare al meglio le opportunità offerte dal mercato internazionale del lavoro». Un annuncio poi ribadito anche dalla prof.ssa Maria Rosaria Corbo, coordinatrice scientifica del Master«Formeremo esperti nella divulgazione e nella comunicazione dell’enogastronomia, poiché il gap che registriamo, come accademici e addetti ai lavori, è la pressoché totale assenza di consapevolezza quando si parla di cibo e alimentazionedella sua composizione, della sua qualitàdella sua tradizione, delle sue originitalvolta delle regole di trasparenza osservate durante preparazione e confezionamento. I nostri laureati, così come laureati nelle altre università, queste cose le conoscono, tuttavia riscontrano grandi difficoltà nel comunicarle in maniera corretta e adeguata – ha completato la prof.ssa Corbo –. Attraverso un’èquipe di esperti e specialisti offriremo le competenze scientifiche e semantiche per poterlo fare, cercando di formare professionisti della cultura dell’Alimentazione Sostenibile e della Dieta Mediterranea».

Sfruttando la collaborazione recentemente formalizzata tra Università di Foggia, Unesco club Foggia (la Dieta Mediterranea è stata ritenuta patrimonio immateriale dell’umanità, NdR), l’Associazione per la Dieta Mediterranea Ancel Keys Pioppi e l’Azienda Sanitaria Locale di Foggia, il “Master in Comunicazione dell’Alimentazione Sostenibile della Dieta Mediterranea” sarà aperto ad alcune aziende di rilievo che operano nel settore enogastronomico e che ospiteranno stagisti e tirocinanti, al fine di formare – direttamente sul campo – i laureati e i professionisti che intenderanno iscriversi al Master. Lezioni al via dal prossimo gennaio.

 

 



Commenta l'articolo