CITTÀ

FOTO Fabbriche Aperte, la Mozzillo di Manfredonia si aggiudica il premio Coca-Cola

Fabbriche Aperte, la Mozzillo di Manfredonia si aggiudica il premio Coca-Cola

MANFREDONIA,

La scuola Mozzillo-Iaccarino di Manfredonia (FG) si aggiudica la vittoria tra più di 200 Istituti di tutto il Paese per la prova educativa di “Fabbriche Aperte”, il progetto promosso da Fondazione Coca-Cola HBC Italia per le scuole secondarie di primo e secondo grado e dedicato ai temi del riciclo, della corretta gestione dell’acqua e dell’orientamento al lavoro. L’Istituto è premiato da Fondazione Coca-Cola HBC Italia con una borsa di studio per l’acquisto di materiali didattici.

 

I ragazzi della classe 2B hanno partecipato alla prova “Acqua e riciclo a regola d’arte” dando vita a una creazione artistica composta da bottiglie di plastica riciclata recuperate dalla scuola e l’hanno posizionata sul lungomare della città per sensibilizzare tutti i cittadini sull’inquinamento del mare.

 

Le scuole secondarie di secondo grado hanno invece preso parte alla prova educativa “A scuola di futuro”, cimentandosi nella creazione di opere d’arte sul tema del riciclo. Ad aggiudicarsi il primo premio è stato il Liceo Classico e Scientifico Educandato agli Angeli di Verona.

L’edizione 2017 del progetto educativo Fabbriche Apertepatrocinato da CONAI, il Consorzio Nazionale Imballaggi, riparte il 19 ottobre e prosegue fino a fine novembre con 8 giornate di visite degli studenti agli stabilimenti di Coca-Cola HBC Italia a Nogara (VR), Oricola (AQ), Marcianise (CE) e Rionero in Vulture (PZ).

L’iniziativa ha raggiunto in totale oltre 2,9 milioni di persone nell’ultimo anno, offrendo ad oltre 4.500 studenti l’opportunità di visitare i quattro stabilimenti di produzione e imbottigliamento e di scoprire le azioni messe in atto dall’azienda per la riduzione del suo impatto ambientale.

Inoltre, circa 2.500 scuole hanno ricevuto kit educativi, contenenti informazioni utili sull’importanza del riciclo, la tutela delle risorse idriche del pianeta e l’orientamento al lavoro.



Commenta l'articolo