POLITICA

FOTO Elezioni 2018, tegola sul M5S di Manfredonia: Di Maio propone espulsione Tasso

Elezioni 2018, tegola sul M5S di Manfredonia: Di Maio propone espulsione Tasso

MANFREDONIA,

Non trova pace il Movimento 5 Stelle. Questa volta ad essere chiamato in ballo  è il candidato nel collegio uninominale Cerignola-Manfredonia, Antonio Tasso, sotto accusa perchè condannato dieci anni fa per aver venduto cd taroccati e modifiche illegali della Playstation. Di Maio, oggi a Bari per il suo tour elettorale, ha proposto l'espulsione del candidato manfredoniano. "Antonio Tasso  - ha affermato Di Maio - si è potuto candidare con il Movimento 5 Stelle perché il suo certificato penale è pulito, non ha carichi pendenti e il suo 335 risulta nullo. Pertanto risultava candidabile. 
Peccato che dieci anni fa Tasso sia stato coinvolto in un processo, perché avrebbe masterizzato dei Cd-Rom. Il processo è arrivato solo alla condanna in primo grado e poi è andato in prescrizione. Tasso ha accettato la prescrizione prima che esistesse il codice etico del Movimento e prima che esistesse il Movimento stesso.  Resta il fatto che non ci ha informati di questo episodio.  Per questa ragione è stato segnalato al collegio dei probiviri a cui ho proposto l'espulsione".

Ma Antonio Tasso si difende così: Per potermi candidare nel Movimento 5 Stelle, oltre al curriculum, ho inviato il casellario giudiziale, il certificato dei carichi pendenti e il certificato ex art. 335(per verificare l'esistenza di denunce o indagini). Tutti questi certificati sono risultati puliti. Il 4 marzo abbiamo la possibilità di sconfiggere l'arroganza politica che ha distrutto questo paese"-



Commenta l'articolo