POLITICA

FOTO Crisi al Comune di Manfredonia, Zingariello: "Poco rispetto nei miei confronti"

Crisi al Comune di Manfredonia, Zingariello: "Poco rispetto nei miei confronti"

MANFREDONIA,

Quelle di Salvatore Zingariello sono dimissioni irrevocabili. L'assessore ai Lavori pubblici e vicesindaco di Manfredonia ieri si è dimesso prima del consiglio comunale sul rendiconto 2017. Consiglio rinviato a questa sera per mancanza del numero legale. Il gesto di Zingariello ha preceduto di qualche ora l'autosospensione dal PD di Damiano D'Ambrosio e Matteo Ognissanti, determinando per la prima volta la crisi all'interno della maggioranza di centrosinistra che da decenni governa Manfredonia. Ai nostri microfoni, Zingariello, ribadisce che non c'erano più le condizioni per poter andare avanti..

"Ho accettato il delicato compito conferitomi con forte senso di responsabilità e ho cercato di svolgerlo con impegno, umiltà e coerenza e correttezza, mettendomi a disposizione dell'intera comunità. i valori a cui sono legato e il forte senso di responsabilità nei confronti della città che vive un momento molto complicato mi hanno spinto a proseguire questa esperienza amministrativa nonostante in questi mesi ci siano state posizioni diverse o addirittura opposte. Oggi, a seguito delle continue divergenze e di atteggiamenti prevaricatori e poco rispettosi del ruolo che ricopro, ritengo che sia doveroso dimettermi. Ringrazio il mio partito, il PD, per il continuo supporto, e auguro buon lavoro al sindaco, ai colleghi di giunta e ai consiglieri comunali di maggioranza e di opposizione".

Intanto oggi potrebbero arrivare le dimissioni del sindaco che ha venti giorni per ricomporre la maggioranza e continuare ad amministrare. Altrimenti tutti a casa.

 



Commenta l'articolo