CITTÀ

FOTO Rotary Manfredonia, Andre Pacilli nuovo presidente

Rotary Manfredonia, Andre Pacilli nuovo presidente

MANFREDONIA,

Passaggio di consegne al Rotary club di Manfredonia. Il 30 giugno, presso il Regiohotel Manfredi, la tradizionale cerimonia del “passaggio del martelletto” fra il presidente uscente del Rotary Club di Manfredonia, dott. Pasquale Frattaruolo, e il presidente entrante, dott. Andrea Pacilli.

Numerose le iniziative, le attività e i services svolti nell’anno rotariano 2017/2018 nel corso della presidenza di Frattaruolo, che ha chiuso come meglio non si poteva riuscendo a trovare le risorse per regalare ben due defibrillatori a due strutture di Monte Sant’Angelo e Manfredonia. Da ricordare, inoltre, fra le attività della presidenza Frattaruolo la piantumazione di circa 250 tra arbusti ed alberi in tre scuole di Manfredonia; il percorso informativo e formativo sulla prevenzione dell’obesità infantile e del diabete nelle scuole medie di Manfredonia e Mattinata; la fornitura di 5 corredini ad altrettanti neonati meno fortunati del territorio; in collaborazione con altri club Rotary della provincia, contributi per la costruzione di un punto nascita a Bigene (Guinea Bissau) e la formazione del personale medico e paramedico per la gestione della struttura stessa.

Il nuovo presidente durerà in carica per un anno esatto, e nel discorso di insediamento ha spiegato che continuerà ad operare nel solco tracciato dai predecessori nell’ottica di rinnovamento che il Rotary International ha intrapreso da tempo. Ossia per un sodalizio al passo con i tempi, aperto verso l’esterno, verso la comunicazione, con grande attenzione ai problemi strutturali della comunità. Un’associazione interessata al modo di risolvere i problemi e non di tamponarli, che legge le esigenze della comunità e propone soluzioni, che esce dalle stanze dei salotti ed entra in contatto con la gente invitando tutte le altre associazioni a farlo, in un sistema di rete dove ognuno faccia il proprio. Un’associazione la cui attenzione principale rimane rivolta alle persone che si impegnano per cambiare le cose, ai meno garantiti, ad una comunità coesa e accogliente.

Per il programma dell’anno entrante, Pacilli ha proposto un percorso all’insegna della “informazione, dell’innovazione, della condivisione” affinché sia possibile attivare meccanismi virtuosi che partano dal basso, dal territorio, in grado di produrre circuiti proficui sia dal punto di vista sociale che economico. Cultura, innovazione sociale, riqualificazione del territorio e del patrimonio culturale e ambientale, legati in una prospettiva di crescita economica dove l’industria della cultura e del turismo si ripercuotano concretamente sul tessuto sociale.

A breve saranno presentate le iniziative in fase di allestimento. Il nuovo presidente invita tutti i cittadini ad essere particolarmente attenti alle proposte di tutte le associazioni del territorio, e non solo a quelle del Rotary, perché solo ripartendo dal basso si può modificare ciò che chi sta “in alto” non riesce a comprendere



Commenta l'articolo