ECONOMIA

Agricoltura 4.0, la Capitanata è pronta

ORSARA DI PUGLIA,

Si è parlato di "Agricoltura 4.0" ad Orsara di Puglia in occasione della 17^ edizione della Sagra dell'asparago. Ad aprire i lavori è stato il presidente nazionale di Fedagri e presidente della coop. Giardinetto, Giorgio Mercuri. 

“Una nuova agricoltura per la società di domani all’insegna  del digitale, che tuttavia in provincia di Foggia già si esercita. La sfida è partita con l’Expo. Già inserita nell’agenda di Governo fra le priorità del Piano Industriale 4.0 e che si spera possa proiettare l’Italia ai vertici dell’Agricoltura europea. Noi puntiamo ad elevare il tasso di innovazione tecnologica che garantisca redditi più alti agli agricoltori, maggiori rese produttive di qualità a costi più contenuti, e minore impatto ambientale". Mercuri ha poi tracciato il bilancio della stagione 2017 dell'asparago raccolto in Capitanata. "Nel nostro territorio aumentano le superfici coltivate ad asparago. Una produzione di qualità che viene apprezzata molto anche all'estero: la bilancia commerciale di questo prodotto è positiva con un numero sempre più crescente di  esportazioni nei mercati del nord Europa". Al convegno di Orsara era atteso l'europarlamentare Paolo De Castro, poi intervenuto telefonicamente. "Plaudo all'iniziativa di Confcooperative Foggia e ribadisco che in Europa c'è ottimismo per il futuro dell'agricoltura. Lo stesso dovrebbe verificarsi anche in Puglia, visto l'ottimo lavoro dell'assessore Leo Di Gioia. Il regolamento Omnibus deve essere un'occasione utile a rafforzare l'agricoltura europea, attraverso una politica agricola comune meno burocratica e più attenta alla tutela del reddito delle imprese agricole". I lavori del convegno di Orsara sono stati chiusi dall'assessore regionale all'agricoltura, Leo Di Gioia. "L'agricoltura 4.0 non deve essere solo un auspicio ma è fondamentale per il futuro. E' importante coniugare l'agricoltura tradizionale con innovazione e tecnologia, ma non beatifichiamoci troppo. Dobbiamo diventare più competitivi". Infine Di Gioa torna sull'argomento acqua. " Senz'acqua non si fa agricoltura di qualità. Dobbiamo investire nelle infrastrutture, dobbiamo fare dighe e invasi in Capitanata, altrimenti di agricoltura se ne parlerà solo sui libri di storia".

 

 

 



Commenta l'articolo