SPETTACOLO

A Orsara di Puglia va in scena 'il contro Halloween'

ORSARA DI PUGLIA,

Fucacoste e cocce priatorje è la risposta pugliese all'Halloween hollywoodiano. Nella notte del 1 novembre, ad Orsara di Puglia, si celebrano luce e condivisione, non le tenebre. Nel cuore dei Monti Dauni vibra già da alcuni giorni una crescente frenesia per quello che è diventato un evento di successo: dal 2007 al 2016 i vicoli orsaresi  hanno totalizzato circa 200.000 visitatori, solo nell’edizione del 2014 furono 40.000 i turisti. Tra le testate che hanno subito l’appeal della Notte della luce anche la BBC inglese. Insomma, qui non è Halloween, perché gli orsaresi non esorcizzano alcuna paura, nessun orrore, né si compie il rituale del dolcetto scherzetto.
A partire dalle 18 le vie, le piazze, gli slarghi del borgo vengono illuminati dalla fede con centinaia di lanterne arancioni, beffarde, sorridenti, misteriose. Suggestivo sarà il momento del rintocco della Chiesa Madre. Alle 19 di mercoledì 1 novembre il cuore del paese 'prenderà fuoco': gli oltre 100 covoni di legna preparati in ogni piazza di Orsara si trasformeranno in altrettanti falò da cui si leveranno altissime fiamme e scintille che illumineranno a giorno la notte più lunga e luminosa dell’anno. Quella durante la quale, nel segno della tradizione e nel ricordo dei defunti, si consumano cibi stagionali : il grano lessato condito dei chicchi di melograno e mosto cotto, le cipolle, le patate, le castagne, Il vino. Il fuoco, la condivisione del cibo, gli spettacoli musicali e le performance degli artisti di strada sono solo alcuni degli elementi che fanno di questo evento uno dei più attesi dell’anno. (Dal  Comune fanno sapere che "una volta che in paese saranno esauriti i posti auto, entrerà in funzione un servizio a pagamento - parcheggi e bus navetta, circa 14 quelli a disposizione, dal costo di 3 euro). E allora che la magia autentica, del legame misterioso tra il mondo dei vivi e quello di quanti vivono nella nostra memoria, abbia inizio.

Video



Commenta l'articolo